FAQ

Perché, come e quando degli screening oncologici. Gli operatori sanitari che si occupano degli screening oncologici per la prevenzione dei tumori del collo dell’utero e della mammella hanno raccolto i quesiti più frequenti che venivano loro posti sul perché del programma, sulla validità degli accertamenti, sulle modalità migliori di effettuazione dei test, sulle controindicazioni, su definizioni tecniche poco chiare. Attraverso una consultazione molto ampia con esperti anche di altre regioni, gli stessi operatori hanno poi formulato adeguate risposte alle principali domande poste, che sono qui di seguito presentate, organizzate in quattro sezioni: “Perché”, “Come e Quando”, “(Contro)Indicazioni”, “Termini poco chiari”.

Si fa uno screening solo per verificare se vi è uno stato di malattia in fase preclinica?

Gli screening rappresentano per molte donne un’utile conferma delle proprie condizioni di salute. Questa rassicurazione deve essere ottenuta con il minimo indispensabile di attività medica e il massimo possibile di sicurezza.

Gli screening non sono solo una promessa di diagnosi, ma una complessiva presa in carico della persona e vanno considerati come un insieme unitario di fasi. L’istituzione che propone alle donne, per definizione sane, di sottoporsi al test, si assume precise responsabilità etiche. Queste si riferiscono non solo alla fase propriamente del test di screening, ma all’insieme del processo, dal primo invito fino al sostegno alla donna e alla famiglia durante l’eventuale momento del trattamento e del decorso della malattia.

Occorre che vengano assicurati in tutte le fasi tre requisiti fondamentali:

L’informazione, un’azione di sostegno individuale e la massima riservatezza.

E’ possibile cambiare la data e l’ora dell’appuntamento?

Si, è possibile cambiare data e ora dell’appuntamento rivolgendosi al numero verde della centrale amministrativa segnalato nella lettera di invito.

1 2 3